Aston Martin Vanquish Zagato Shooting Brake, coda lunga sportiva

Costruita in 99 esemplari, ha le forme di una familiare, ma il motore e l’interno di una coupé

La carrozzeria in stile giardinetta non deve ingannare, perché i sedili all’interno rimangono due e il motore a benzina V12 sviluppa una potenza in linea con le coupé di più alto rango (600 CV). A cambiare rispetto ad una sportiva è la forma del tetto: sulla Aston Martin Vanquish Zagato Shooting Brake si allunga verso il piccolo lunotto e fa apparire l’auto molto più sfuggente rispetto alla coupé su cui è basata. Le forme dell’auto diventano più chiare grazie ad una serie di nuove immagini, pubblicate a distanza di circa 2 mesi dalle prime, in cui la Vanquish Zagato Shooting Brake appariva sotto un telo o di profilo e non mostrava tutta la sua bellezza.

La Shooting Brake è il quarto modello disegnato dalla carrozzeria Zagato per conto della Aston Martin, che si è rivolta all’azienda milanese per una famiglia di quattro sportive da collezionebasate sulla Vanquish S: dopo le Coupé e cabriolet Volante, mostrate nel 2016, ad agosto sono apparse per la prima volta le Speedster e Shooting Brake. Tutte le varianti di carrozzeria sono realizzate in 99 esemplari, ad eccezione della Speedster costruita in 28 unità. La Zagato Shooting Brake ha un set di valigie su misura e la tradizionale doppia gobba sul tetto, diventata una caratteristica della Zagato, che l’ha studiata per consentire al guidatore di tenere il casco a bordo pur mantenendo bassa la linea del tetto.

fonte articolo e foto – omniauto.it – redazione Redazione